Sottoscrivi: Articoli | Commenti

FAI: Il Progetto “Salviamo Tor Maggiore” si classifica 27° in Italia

commenti

Header di classifica

La campagna “I Luoghi del Cuore 2014” giunge alla sua fine e porta un bellissimo risultato per i pometini e per uno dei beni culturali principali della Città di Pomezia, Tor Maggiore!

Giovedì 18 Novembre 2015 infatti il FAI – Fondo Ambiente Italiano – ha pubblicato la classifica definitiva e finale dei progetti di tutela e valorizzazione presentati dai comitati locali di tutta Italia, fra i quali l’Associazione Latium Vetus in collaborazione con il Comune di Pomezia, che segue la raccolta delle firme e delle sottoscrizioni da parte dei cittadini chiusa lo scorso 30 Novembre 2014: in quella occasione Tor Maggiore risultò 73esima in classifica nazionale, 6° monumento del Lazio e prima torre d’Italia con 4.817 voti!

In quei lunghi 5 mesi, da Marzo a Novembre 2014, 4.817 cittadini di Pomezia ci sostennero e con entusiasmo raccolsero l’appello da noi lanciato a dare forza con le loro firme alla candidatura di Tor Maggiore in una estenuante campagna nazionale…fu una vera mobilitazione generale che coinvolse persone di ogni età ed ogni sfera sociale fino ad arrivare ai ragazzi nelle scuole. Un’occasione che ha permesso alla cittadinanza di Pomezia di rendersi conto dell’esistenza di un monumento abbandonato da decenni, un’occasione per tornare a rimpossessarsi della propria storia, dei propri valori identitari e culturali, rappresentati da un monumento quale Tor Maggiore, per troppi anni invisibile, lasciato preda del degrado, dell’abbandono, dell’incuria…un vero delitto civile!

Dopo la chiusura della campagna di raccolta delle firme, lo scorso 30 Novembre 2014, l’Associazione Latium Vetus ha lavorato, sostenuta dall’amministrazione comunale di Pomezia, alla stesura del progetto di valorizzazione che ha presentato al FAI il 09 giugno scorso: dei 257 luoghi del cuore con più di 1000 voti (aventi quindi diritto a presentare il progetto), sono pervenuti al FAI 103 progetti poi esaminati e selezionati da una commissione nazionale composta da personale scientifico e dai segretari regionali del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Tor Maggiore ed il nostro progetto di promozione e valorizzazione si sono alla fine classificati 27° in classifica generale a livello nazionale: un risultato non sufficiente ad aggiudicarsi il finanziamento richiesto al FAI, dal momento che solo i primi 15 progetti classifiati (oltre ai tre primi classificati della votazione chiusa a novembre e ai 5 della classifica paesaggistico naturalistica) hanno potuto accedere al sovvenzionamento del Fondo Ambiente Italiano ma comunque un piazzamento che assicura l’apprezzamento del FAI al progetto elaborato dall’Associazione Latium Vetus.

Tor Maggiore ed i pometini che la hanno sostenuta sono stati come Davide contro Golia, risultando superati da monumenti centrali del patrimonio culturale italiano, musei, parchi archeologici ed edifici religiosi della massima importanza in Italia: il Lazio ottiene un buon piazzamento con il sovvenzionamento di due progetti di restauro di altrettanti importantissimi monumenti, come la Tomba degli Scudi della necropoli etrusca di Tarquinia (monumento UNESCO gestito dalla Soprintendenza Archeologia per il Lazio) e la Certosa di Trisulti a Collepardo in Provincia di Frosinone, una delle abbazie cistercensi più importanti d’Italia.

“Questo risultato ci riempie di orgoglio” dichiara Giacomo Castro, Presidente di Associazione Latium Vetus “io e tutti i membri di Latium Vetus sentiamo la responsabilità verso quei tantissimi concittadini di Pomezia, giovani e adulti, che ci hanno sostenuto. La partita per salvare Tor Maggiore, ora conosciuta da migliaia e migliaia di cittadini, riprenderà con assoluto e più forte slancio!! Abbiamo in cantiere molte altre iniziative per far conoscere, far amare e soprattutto perseguire finalmente la tutela di questo emblema del nostro territorio consegnatoci dalla storia!!

Il 29 Novembre prossimo scadrà il Protocollo di intesa “Salviamo Tor Maggiore!” siglato un anno fa con il Comune di Pomezia, chiediamo come Associazione Latium Vetus all’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Fabio Fucci di sottoscrivere il rinnovo di quel protocollo di Intesa e di continuare a perorare la causa di Tor Maggiore, magari riuscendo nell’impresa di acquisire il monumento a patrimonio comunale, atto capace di decretarne la salvezza!

Come dimenticarsi poi della vicenda legata alla possibile realizzazione della centrale a biomassa proposta dalla COGEA s.r.l. per la lavorazione di migliaia di tonnellate ogni anno di rifiuti organici in un lotto limitrofo alla torre! La battaglia continua anche su quel fronte: abbiamo manifestato lo scorso 07 Novembre a Santa Palomba contro il progetto della centrale COGEA con al fianco gli amministratori del Comune di Pomezia …chiediamo, ora agli stessi amministratori, di tutelare il monumento approvando in Consiglio Comunale la nostra proposta di vincolo monumentale su quel lotto conteso.

Tor Maggiore dev’essere il luogo della memoria della città di Pomezia, la casa rispettata dell’identità e dei valori collettivi dei cittadini.

A TUTTI QUEI CITTADINI CHE CI HANNO SOSTENUTO….IO DICO ‘GRAZIE DI CUORE! COMPLIMENTI A TUTTI!’.

LA BATTAGLIA CONTINUA…

Associazione Latium Vetus

 

 Il video prodotto da Associazione Latium Vetus per la campagna “I Luoghi del Cuore 2014″

Vota il post!
Se questo post soddisfa i tuoi interessi, puoi considerare di lasciare un commento o di effettuare la sottoscrizione agli RSS feed per essere informato di tutti gli articoli futuri..